Le Antichità di Ercolano esposte

Le Antichità di Ercolano Esposte (Antichità di Ercolano esposte) è un libro di otto volumi di incisioni dei reperti provenienti dallo scavo delle rovine di Ercolano nel Regno di Napoli (ora Italia). Fu pubblicato tra il 1757 e il 1792 e furono consegnate copie a destinatari selezionati in tutta Europa. Nonostante il titolo, l'Antichità di Ercolano mostra oggetti provenienti da tutti gli scavi intrapresi dai Borboni nel Golfo di Napoli. Questi includono Pompei, Stabia e due siti di Ercolano: Resina e Portici. Le incisioni sono di alta qualità e il testo di accompagnamento mostra una grande borsa di studio, ma nel libro mancano le informazioni sul contesto che ci si aspetterebbe da un moderno lavoro archeologico. Le Antichità è stata progettata più per stupire i lettori con la qualità degli oggetti nella collezione del Re di Napoli che per essere utilizzata nella ricerca. Il libro ha dato slancio al movimento neoclassico in Europa, offrendo agli artisti e ai decoratori l'accesso a un enorme negozio di motivi ellenistici.

Sfondi Gli scavi di Ercolano iniziarono nel 1711, quando fu scavato un pozzo per la nuova casa di campagna di Emmanuel Maurice, duca di Elbeuf a Portici. Il pozzo si rivelò essere affondato nel proscenio sepolto e riccamente decorato del teatro di Ercolano, e produsse diversi marmi preziosi, tra cui una statua di Ercole. Il duca era a corto di soldi. Trasportava i pezzi di nascosto a Roma per ripristinarli, quindi li "consegnò" al principe Eugenio di Savoia, suo cugino. Nel 1738 Carlo VII di Napoli - dopo il 1759, Carlo III di Spagna - iniziò gli scavi per trovare oggetti per la sua collezione privata di antichità, imponendo una stretta sicurezza sul sito. L'interesse è stato mantenuto dalla speranza di trovare più oggetti di valore simile alla prima serie di statue. Nel 1739 fu trovata una serie di grandi gruppi mitici nella "Basilica". Nel 1748 gli scavi avevano portato alla luce otto statue di bronzo a grandezza naturale. Le grandi opere furono restaurate e messe in mostra nel museo del re di Portici. Le opere più piccole non erano generalmente esposte. [2] Gli scavi furono condotti da schiavi e sembra che molti furono distrutti o rubati. Le notizie sui reperti si diffusero e Charles fece critiche per il segreto e la mancanza di scienza negli scavi.

Pubblicazione La prima pubblicazione a registrare i risultati fu un grande libro di folio chiamato Disegni intagliati in rame di pitture antiche ritrovate negli scavi di Resina (Incisioni su rame degli antichi dipinti scoperti negli scavi di Resina) stampate nel 1746. Nonostante il titolo, il libro includeva disegni di statuette in bronzo e marmo, lampade e rilievi. Alcune incisioni mostravano gli oggetti così come erano, mentre altri mostravano la ricostruzione dell'originale dell'artista. Ci sono state molte inesattezze. Il libro non ha fornito indicazioni sui luoghi in cui sono stati trovati gli oggetti. Sono sopravvissute solo tre copie. Questi potrebbero essere gli unici prodotti, forse perché Charles non era soddisfatto del risultato. Il Prodromo delle Antichità di Ercolano (Prefazione alle antichità di Ercolano) fu preparato da Ottavio Antonio Bayardi, cugino del primo ministro Giovanni Fogliani, e pubblicato dallo Stamperia Reale nel 1752. L'opera in cinque volumi racconta storie di Ercole e cerca di dimostrare che la città era in realtà Ercolano, che non era stata messa in dubbio da quando fu trovata un'iscrizione nel 1738, ma non dice nulla sui risultati. Nel 1754 Bayardi pubblicò un catalogo in un volume dei risultati. Senza illustrazioni e con solo le descrizioni più veloci dei 2000 oggetti elencati, il catalogo ha poco valore. Nel 1755 Charles nominò quindici sapienti di una nuova Accademia Ercolanese per studiare i manufatti e pubblicare i risultati. Il comitato ha coinvolto venticinque artisti di spicco per preparare disegni e incisioni sui reperti, tra cui Giovanni Elia Morghen, Carlo Nolli e Giovanni Battista Casanova. Ai migliori incisori sono stati dati i pezzi più interessanti. A un determinato incisore verrebbero forniti tutti i pezzi di un determinato stile, per garantire coerenza. L'accademia pubblicò volumi di lavoro dal 1757 al 1792. Non furono venduti, ma furono dati ai "pochi felici" che furono scelti come destinatari. Sono state stampate duemila copie del primo volume. Charles abdicò nel 1759 e gli successe il bambino di otto anni Ferdinando IV. La pubblicazione è proseguita sotto il reggente Tanucci. I primi quattro volumi raffiguravano dipinti. [8] Questi erano frammenti di muro dipinto, inclusi frammenti rimossi dal portico. Il quinto volume, pubblicato nel 1767, era dedicato ai busti di bronzo. Un altro volume su statue di bronzo fu pubblicato nel 1771. Modelli di Antichità furono copiati a Londra nel 1773. Un altro volume su dipinti uscì nel 1779. Una versione ridotta del libro fu pubblicata nel 1789. L'ultimo volume, nel 1792, rappresentava lampade e candelabri. I volumi non includono le rappresentazioni dei marmi.

Contenuto Nonostante il titolo, l'Antichità di Ercolano mostra oggetti provenienti da tutti gli scavi intrapresi dai Borboni nel Golfo di Napoli. Questi includono Pompei, Stabia e due siti di Ercolano: Resina e Portici. Il libro mostra un alto livello di borsa di studio per il tempo e le incisioni sono di alta qualità. La maggior parte delle incisioni mostra che il telaio, se noto, ha una scala di misurazione e sono accompagnati da un saggio accademico. Alcuni degli oggetti più piccoli non hanno voci, ma sono riprodotti come copricapo o cimici senza nome. Ci sono circa 619 incisioni su rame, alcune doppie, 836 vignette e 540 lettere illuminate disegnate da Luigi Vanvitelli e incise da Carlo Nolli. L'organizzazione si basava più sull'estetica che sulla spiegazione del contesto del sito romano. Il primo volume contiene le immagini più grandi e belle. Le immagini di dipinti su frammenti del portico sono distribuite su tutti e cinque i volumi per coprire i dipinti, poiché la prima serie di frammenti del portico è stata trovata nel 1738 e la seconda nel 1761 dopo la pubblicazione dei primi due volumi. di nuovo indulgere nella loro immaginazione. Un cavaliere a cavallo che era stato mostrato nei Disegni intagliati con la coda del cavallo e la mano destra del cavaliere mancante è stato disegnato da Vincenzo Campana come se fosse in condizioni integre. Le immagini all'interno di ciascun volume sono raggruppate per posizione, più perché hanno stili coerenti che per mostrare il contesto romano. Il testo in genere non ha fornito informazioni sulla data e sul luogo della ricerca. Le quattro immagini più grandi del portico sono rappresentazioni di Teseo, Ercole e Telephus, Achille e Chirone, Marsia e Olimpo. Gli incisori li trattano come dipinti piatti, sebbene in realtà fossero concavi e la loro forma mostra dove erano originariamente collocati nell'edificio. [5] Il libro contiene solo una piccola selezione dei dipinti che furono portati a Portici, anche se sembra che siano stati fatti dei disegni di tutti questi dipinti. Dal 1765 in poi gli artisti disegnarono ogni quadro così come appariva sul muro decorato.

Risposta Le immagini nell'Antichità di Ercolano, con le loro origini ellenistiche, avevano un grande richiamo per gli europei dell'epoca, e il libro forniva una grande scorta di motivi classici che potevano essere usati da designer e studiosi. La pubblicazione era più una pubblicità per la raccolta di resti conservata nel Palazzo di Portici che una documentazione archeologica. Si diceva che a causa del libro "gli studenti dell'antichità - cioè praticamente tutti gli amanti dell'arte - si sarebbero sentiti obbligati ad andare a Napoli, poiché erano destinati ad andare a Firenze e Roma". La discussione generata dal libro riguardava principalmente i meriti artistici dei dipinti murali piuttosto che la vita romana. Non causò l'ascesa del neoclassicismo, che aveva origini precedenti, ma ebbe una grande influenza sulle arti decorative in Europa. I piatti erano spesso usati come fonti per i dipinti. Così Nicolas Gosse e Auguste Vinchon sembrano averlo usato per una serie di scene della vita antica dipinte in scala di grigi per il Louvre. Robert Adam, il designer britannico, ha copiato le figure del libro dalla "Villa di Cicerone" al soffitto del Red Drawing Room della Syon House nel 1761-62. La Marchande d'Amours (o La Marchande à la toilette) del 1763 di Joseph-Marie Vien è un noto esempio del neoclassicismo francese antico. Si basa su un'incisione di Carlo Nolli di un dipinto sullo stesso soggetto del volume 3 dell'Antichità di Ercolano. Vien era aperto riguardo ai suoi prestiti e invitò il suo pubblico a confrontare le due opere. La differenza principale sta nell'intensità dell'espressione delle tre donne nella foto di Vien, il venditore che guarda i compratori e i compratori che guardano il cupido, rispetto alle espressioni vuote e agli sguardi sfocati delle donne nell'incisione di Nolli.

Volumi

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

Scegli Lingua